Site Overlay

No alla strisciante dittatura di sinistra!

COMUNICATO STAMPA

24 settembre 2020

No alla strisciante dittatura di sinistra!

UDF Ticino ed è indignata per i diversi episodi antidemocratici e illiberali avvenuti negli ultimi giorni a livello cantonale e nazionale.

UDF Ticino con rammarico constata che dagli ambienti di sinistra (in particolare con riferimento al Partito Socialista e a quello dei Verdi) arrivano segnali molto preoccupanti.

Da pochi giorni abbiamo potuto constatare come in ben 2 occasioni il DECS ha mancato l’obiettivo educativo cercando di indottrinare gli alunni a proposito dei temi relativi clima e sessualità. Dapprima attraverso un’agenda scolastica dai toni battaglieri e poco oggettivi per quanto attiene le tematiche relative al clima. In maniera subdola, nella stessa, sono pure stati inseriti riferimenti espliciti alle teorie gender che affermano che i generi siano più di due e indipendenti dalle evidenze biologiche, ma riconducibili ad un’opinione personale. Pochi giorni dopo veniamo a scoprire che, sempre a proposito di questo ultimo tema, vengono distribuiti nelle nostre scuole elementari prospetti per l’acquisto di libri (JSW Schweiz. Jugendschriftenwerk, Zürich) contenenti titoli a dir poco di parte e decisamente fuori contesto visto che ci pare inadeguato proporre ad allievi così giovani (e in generale ad allievi) temi che riguardano l’omosessualità e la sessualità in genere.

Aggiungiamo poi che a livello nazionale, come spesso accade, la sinistra ha nuovamente mostrato di avere un’etica a due velocità.

È di pochi giorni fa la decisione di annullare la “Marcia per la vita” (contro l’aborto) a causa delle minacce da parte di militanti di sinistra. Quale stato democratico e civile permette che delle minacce impediscano la libertà di parola? Ci lasciamo intimorire da terroristi?

Sorte analoga è capitata poi a chi in questi giorni si è prodigato per distribuire volantini a favore dell’iniziativa per la limitazione: anche qui militanti di sinistra si sono distinti per la loro intolleranza e mancanza di rispetto delle opinioni altrui. Tutto questo nell’assordante silenzio di quella sinistra che si erge a paladina della giustizia sociale.

Per concludere questo mese, infine, abbiamo dovuto constatare come un numero considerevole di giovani ha voluto occupare illegalmente Piazza federale a Berna, imbrattandola, lasciano rifiuti e soprattutto impedendo lo svolgimento del mercato che dà da mangiare a diverse oneste famiglie. Anche qui la sinistra ha voluto distinguersi mostrando un’etica a geometria variabile affermando, in sostanza, che quando i temi sono quelli che a loro interessano è permesso infrangere la legge (non da ultimo le autorità di Berna, a chiara maggioranza progressista, hanno tentennato e non hanno voluto da subito sgomberare la piazza forse in vista delle imminenti elezioni comunali).

L’UDF, di nuovo e nell’arco di pochi giorni, invita tutti i partiti e le forze democratiche a impegnarsi congiuntamente per la libertà di opinione. D’altro canto, esige che vengano rispettate le leggi e che vi sia tolleranza zero nei confronti degli estremisti che illecitamente usano violenza fisica, verbale o ideologica nei confronti di terzi ledendo i diritti democratici fondamentali e minacciano, impaurendoli, coloro che hanno differenti opinioni.

Per il Comitato Direttivo UDF Ticino
Edo Pellegrini, presidente UDF Ticino, Granconsigliere

Copyright © 2020 Edo Pellegrini. All Rights Reserved. | Intuitive by Catch Themes