Site Overlay

Colmiamo il divario temporale di reazione fra la politica e l’economia

INTERPELLANZA
11 giugno 2020

Da alcune settimane è stato istituito a cura del Consiglio di Stato, un gruppo consultivo di lavoro, composto da professionisti e rappresentanti dei vari settori economici, il cui scopo è quello di discutere di possibili misure per il rilancio della nostra economia.

Le misure a favore dell’economia emanate dal Consiglio Federale, quali la durata e le agevolazioni all’accesso alle indennità per lavoro ridotto, l’estensione delle IPG e altre, avranno una durata determinata. Questo implica che già ora, molte aziende e lavoratori, si trovano in una situazione di incertezza con grandi difficoltà a pianificare il loro futuro.

Che fra i tempi dell’economia e della politica vi sia un abisso è noto, tuttavia in questo momento storico la politica ha il dovere, anzi un obbligo, verso le cittadine e i cittadini di agire celermente e dare risposte concrete senza esitazioni emanando delle misure  per il rilancio dell’economia del nostro Cantone.

Ritenuta la grave crisi che molti professionisti dei vari settori prospettano, il divario temporale di reazione fra la Politica e l’Economia deve essere colmato.

Il Consiglio di Stato e il Parlamento non possono attendere settembre per iniziare a discutere delle misure (si spera innovative) per rilanciare il nostro Cantone, per poi essere votate nel plenum e arrivare, dopo trascorsi i termini di legge per la loro crescita in giudicato, ad entrare in vigore nel 2021.

Per tanti può essere troppo tardi. Non possiamo attendere passivamente di assistere all’ulteriore declino del ceto medio e vedere la nostra economia vieppiù in difficoltà.

Di conseguenza mediante la presente Interpellanza si chiede al lod. Consiglio di Stato:

  1. A che punto sono le discussioni con il gruppo di lavoro?
  2. Quando verranno presentate le misure concrete per il rilancio dell’economia del nostro Cantone? Ritenute le tempistiche dell’iter politico, le proposte devono come minimo essere esposte entro la fine del mese di giugno 2020, ciò è fattibile? Se no, quali sono gli impedimenti?
  3. Ad oggi sono già state finalizzate delle misure concrete? Se sì quali?
  4. Sono previste delle misure a livello globale (es riduzione delle imposte) e delle misure mirate per i vari settori economici? Se sì quali?

Roberta Soldati e Edo Pellegrini

Copyright © 2020 Edo Pellegrini. All Rights Reserved. | Intuitive by Catch Themes